Pic nic in vigna

Home / Blog /

I vini di Bologna

Pubblicato il 23 settembre 2022 Da Bologna Welcome

A Bologna si mangia bene e questo non è un segreto, ma come si beve nel capoluogo emiliano? Quali sono i vini tipici della zona e sono all’altezza della fama di lasagne e tortellini?

Scopriamo i vini più famosi, i più bevuti ma anche quelli autoctoni da riscoprire.


Il re dei vini bolognesi è senza dubbio il Pignoletto. Già noto a Plinio il Vecchio questo vino è DOC dal 1985 ed è il più diffusamente prodotto sui colli bolognesi. Attenzione però a lasciarsi andare a facili giudizi: quello che può sembrare un vino beverino da tavola non si presenta solo nella sua versione frizzante, ma anche fermo e spumante. È un vino versatile, che si accompagna bene tanto con aperitivi come con crescentine e salumi.

Altro vino bianco del territorio è l’Alionza, vitigno autoctono da cui si ricava un vino pieno di energia, di profondità e piacevolezza. Poi si passa ai classici Pinot Bianco, Riesling Italino, Sauvignon Blanc, lo Chardonnay e il Trebbiano. Fino ad arrivare all’Albana di Romagna, che nel territorio bolognese è coltivato e prodotto nelle terre di Imola.


Venendo ai vini rossi, Bologna non avrà forse un vino sovrano come lo è il Sangiovese per la vicina Romagna o il Lambrusco per Modena, tuttavia questo trono vacante lascia ampio spazio alla sperimentazione e all’approfondimento di candidati meno noti.

Come il Rosso Bologna, ad esempio: ricavato per lo più da vitigno Cabernet Sauvignon (almeno 50%), è caratterizzato da un colore rosso rubino e un sapore intenso e piacevole. Un vino da provare per entrare in contatto col territorio.

Oppure il Negrettino, vitigno autoctono salvato e ripiantato, che produce un vino rosso perfetto da abbinare alla cucina locale.

D’importazione, troviamo poi vitigni più diffusi come il Barbera, il Merlot e il Sangiovese (vino tipicamente romagnolo, coltivo nelle zone dell’imolese).


Ora che ci siamo fatti un’idea dei vini tipici del bolognese non ci resta che provarli! Dove?

I viticoltori bolognesi e imolesi sono riuniti in Consorzi: il Consorzio dei Vini Colli Bolognesi e, per l’area imolese, il Consorzio dei Vini di Romagna. All’interno si possono vedere tutte le aziende che ne fanno parte e contattarle per visitare le cantine o partecipare ad esperienze e degustazioni.

Infine, è bene fare un salto a Dozza all’Enoteca Regionale, punto di riferimento con oltre 200 etichette di vino, possibilità di fare degustazioni accompagnate dai prodotti tipici.

Salute!


Newsletter

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Bologna Welcome e resta aggiornato su eventi e offerte

Iscriviti