Welcome is Bologna

Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna

via Castiglione 8 - 40124 Bologna (BO)

Tel: +39 051 19936370

Riferimento mappa: D-4

Data ultimo aggiornamento: 24/07/2019, 12:39

Cuore di Genus Bononiae, Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna è sede di un museo dedicato alla storia, alla cultura e alle trasformazioni di Bologna, dalla Felsina etrusca fino ai nostri giorni.

Il museo Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna fa parte del circuito della Bologna Welcome Card. Per i possessori della Card l'accesso è gratuito. 

Il museo si rivolge a un pubblico vasto e differenziato: dai bolognesi che vogliono riscoprire la storia e il patrimonio culturale della loro città, ai turisti, alla scuola, agli studenti universitari, alle comunità straniere presenti sul territorio.

La progettazione e l’allestimento seguiti dall’architetto e designer di fama internazionale Mario Bellini e  il progetto grafico curato dall’architetto Italo Lupi, eccellenza della grafica italiana, hanno trasformato Palazzo Pepoli in un museo globale e interattivo di nuova concezione che non si sovrappone alle altre realtà museali, ma che interagisce con esse, affiancandole attraverso quattro modalità essenziali: i rimandi, affidati a postazioni video dove vengono presentati i musei esistenti in città che hanno un nesso con un determinato tema; le attività didattiche che sono svolte anche in collaborazione con diversi musei cittadini; i prestiti di opere e reperti e le collaborazioni scientifiche poste in essere con molti musei e realtà culturali bolognesi, al fine dell’arricchimento del progetto museale e della sua concreta realizzazione.

Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna racconta l’intero arco della storia della città e dei suoi abitanti a partire dagli Etruschi ad oggi, proponendo una sequenza di nuclei espositivi costruiti intorno a episodi chiave, personaggi simbolici, aneddoti e temi trasversali.
La presentazione di tali contenuti avviene mediante una combinazione di oggetti, immagini, elementi multimediali.

Il racconto è strutturato in diverse sezioni, distribuite in successione cronologica e per grandi temi:
- La città dipinta
- Torre del Tempo
- Bologna nell’antichità (sale 1-4)
- La grande stagione del Medioevo (sale 5-7 e 9-10)
- Forma Urbis (sala 8)
- Il Rinascimento dei Bentivoglio (sale 11-12)
- Bologna in scena: politica, religione e riti della vita collettiva (sale 13-16)
- Bologna La Dotta: arti, scienze, lettere, musica (sale 17-19 e 21-22)
- Spazio multimediale e Teatro virtuale
- La città delle acque (sala 20)
- Dal Settecento al Novecento (sale 23-28)
- Un tempo né troppo vicino né troppo lontano (sale 29-32)
- La città delle lingue (sale 33-34)
- Sala della cultura

in bus: linee e orario sul sito www.tper.it

in auto: situato in zona a traffico limitato ZTL. Uscite tangenziale più vicine n. 11/11bis-12 direzione centro

  • Accesso gratuito per i possessori della Bologna Welcome Card*
  • Biglietti integrati e singoli per tutti i musei di Genus Bononiae. Info su www.genusbononiae.it
  •  Il Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna, il Palazzo Fava. Palazzo delle Esposizioni, San Colombano. Collezione Tagliavini, Santa Maria della Vita fanno parte del circuito della Card Musei Metropolitani. dettagli

*In occasione di mostre l’ingresso è ridotto

Disabilità uditive

L’ingresso non presenta problemi per i disabili uditivi.

L’accesso e la visita in autonomia sono agevolati da pannelli introduttivi.

Il tema del museo è unico, la storia di Bologna, e l’impianto descrittivo è cronologico; sono disponibili schede di sala che introducono l’esposizione, epoca per epoca, in lingua straniera, traducendo quanto esposto nei pannelli di sala. Si alternano modalità tradizionali di esposizione a percorsi innovativi che utilizzano una molteplicità di canali e codici.

Il linguaggio dei pannelli esplicativi richiede medie competenze linguistiche, la comprensione è supportata dall’utilizzo di grafiche e supporti visivi, accostamenti immagini, testo e installazioni che nel complesso rendono accessibile la fruizione del contenuto.

C’è la possibilità di approfondimento sul sito, dove si possono scaricare, la brochure, la mappa del museo, la descrizione del palazzo e del museo oltre ai programmi di eventi e visite didattiche.

Non sono previste modalità di comunicazione visiva in caso di allarme sia nei bagni che in ascensore.

Disabilità motoria e difficoltà di movimento

Il museo è sostanzialmente accessibile, le persone con ridotte capacità motorie potranno trovare difficoltà nella prima sala (Bologna Etrusca) dove è ricostruita una strada etrusca con pavimentazione molto irregolare, e per raggiungere il Teatro Virtuale dove è presente una rampa molto lunga con corrimano a destra; lo spazio interno al Teatro Virtuale è ridotto e potrebbe dare problemi per la visione alle persone in carrozzina.

Per maggiori informazioni consulta qui.

Photogallery