booking@bolognawelcome.it

www.bolognawelcome.it

Bologna Welcome Piazza Maggiore
Piazza Maggiore 1E
tel. (+39) 051.6583111

Bologna Welcome Aeroporto
Via del Triumvirato 84
tel. (+39) 051.6472201

Ville e castelli senza tempo

Un viaggio tra le dimore storiche e le mirabilianti leggende dei loro antichi proprietari, per perdersi tra arte e natura dal fascino immutato.

Villa Aldrovandi Mazzacorati

La Villa sorge sul territorio della tenuta di Camaldoli acquisita da Annibale Marescotti nel 1616. Alcuni anni più tardi, nel 1690, dopo la morte di Raniero la nobile dimora con giardino passò alla famiglia Aldrovandi. Alla fine del ’700 la villa divenne proprietà dei marchesi Mazzacorati. All'interno della villa è ospitato il Museo Storico del Soldatino "Mario Massacesi".

indirizzo: Via Toscana, 19 - 40141 Bologna (BO) rif mappa iat: N-11 orari di apertura:
Teatrino 1763 - Aperto da settembre a giugno: per informazioni sui giorni di apertura e orari  telefonare dallunedì al venerdì dalle 10 alle ore 12 al n. 051 6235780 o 051 444134 oppure scrivere mail:culturarte.700@gmail.com;
Museo Storico del Soldatino "Mario Massacesi":temporaneamente chiuso da lunedì a sabato; domenica 10.30-12.00. Chiuso: festivi infrasettimanali. Possibilità di visite su appuntamento per gruppi di max 10 persone anche in altri orari.
Si consiglia di telefonare sempre per conferma tel. +39 348 4718138.
ingresso:

 gratuito

Villa Spada

La villa sorge sull'antica tenuta dei marchesi Zambeccari al posto dell'edificio denominato Casino Zambeccari le cui prime notizie risalgono al 1774. Dal 1990 la villa ospita il Museo del Tessuto e della Tappezzeria “Vittorio Zironi”

indirizzo: Via di Casaglia 3 - 40135 Bologna (BO) rif mappa iat: M-9 tel: +39 051 2194528 / 2193916 (biglietteria Museo Civico Medievale) sito: www.museibologna.it/arteantica/luoghi/53004/offset/0/id/88019 orari di apertura: venerdì: ore 9.00 - 13.00
sabato e domenica: ore 10.00 - 18.30 chiuso Natale, Capodanno, 1° maggio e festivi infrasettimanali
Accesso momentaneamente sospeso per sopralluoghi manutentivi straordinari 
ingresso:

Museo del Tessuto e della Tappezzeria “Vittorio Zironi”

€ 5 intero | € 3 ridotto
gratuito Card Cultura
e la prima domenica del mese

Gratuito Card Cultura Bologna
€ 5,00 intero
€ 3,00 ridotto
ridotto a 2 euro il biglietto per i giovani nella fascia d'età tra 18 e 25 anni

Museo della Civiltà Contadina - Istituzione Villa Smeraldi

Il Museo della Civiltà Contadina si trova a San Marino di Bentivoglio a 15 km da Bologna. Ha sede, dal 1973, a Villa Smeraldi: oltre 2000 mq di esposizione e 4 ettari di parco offrono al visitatore una testimonianza unica sul lavoro e sulla vita nelle campagne tra Otto e Novecento.

indirizzo: Via Sammarina 35 - 40010 Bentivoglio (BO) tel: +39 051 891050 fax: 39 051 6599233 email: segreteria.museo@cittametropolitana.bo.it sito: www.museociviltacontadina.bo.it orari di apertura: Dal 16 dicembre 2019 fino al 1 marzo 2020 il museo sarà chiuso per gli interventi di riqualificazione ingresso:

intero (dai 18 ai 60 anni) € 4,00
ridotto (dai 14 ai 18 e oltre i 60 anni, Bologna Welcome Card) € 2,00
gratuito (sotto i 14 anni, persone con disabilità, accompagnatori, possessori Card Musei Metropolitani)

Rocchetta Mattei

La Rocchetta Mattei si trova nell’Appennino Tosco-Emiliano, a 45 Km da Bologna, sulla SS.64 che collega Bologna a Porretta Terme, appena superato il paese di Riola, in comune di Grizzana Morandi. Fu costruita dal Conte Cesare Mattei (1809-1896) sui resti di un antico castello medievale di Matilde di Canossa.

indirizzo: SP 62, Riola Ponte Grizzana Morandi (BO) tel: + 39 051 6730335 - + 39 051 6730311 email: rocchettamattei@comune.grizzanamorandi.bo.it sito: www.rocchetta-mattei.it orari di apertura: Il castello è aperto sabato e domenica, con visite guidate, dalle 10 alle 15 nel periodo invernale e dalle 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 17,30 durante il periodo estivo. La prenotazione è sempre obbligatoria. Info e prenotazioni: www.rocchetta-mattei.it ingresso:

Prezzo del biglietto € 10 intero; riduzione € 5.

Rocchetta Mattei fa parte del circuito della Card Cultura. dettagli sulle agevolazioni

Castello dei Bentivoglio

Residenza di svago della nobile famiglia Bolognese, conserva ancora l’originale struttura rinascimentale con splendidi affreschi cinquecenteschi e più recenti decorazioni in stile Æmilia Ars.

indirizzo: Via Saliceto, 1 - Bentivoglio (BO) tel: +39 051 8904823 ingresso:

La struttura è visitabile solo in occasione delle visite guidate organizzate. Il calendario delle visite è pubblicato sul sito www.orizzontidipianura.it

Si organizzano anche visite guidate per gruppi, per le scuole o anche semplicemente per guide turistiche che volessero accompagnare i propri visitatori a Bentivoglio.

Villa Griffone

Residenza principale della famiglia Marconi, da metà Ottocento.  Proprio a Villa Griffone Gugliemo Marconi allestì il suo primo laboratorio e realizzò i suoi primi esperimenti di radiotelegrafia (1895), come riportato anche nella lapide collocata sulla facciata della villa.

indirizzo: Via Celestini, 1 - 40037 Pontecchio Marconi Sasso Marconi (BO) sito: www.museomarconi.it/ orari di apertura:
VISITE MUSEO
  • giorni feriali: mattina e pomeriggio (esclusivamente su prenotazione)
  • sabato – solo per gruppi: mattina e pomeriggio (esclusivamente su prenotazione)
  • domenica: ore 10.00 (prenotazione non necessaria, tranne che per gruppi numerosi)
ingresso:

Adulti 7 euro
Studenti 3 euro
Laboratorio con dimostrazione tecnica: 60 euro (30 euro per le scolaresche)
Biglietto famiglia (2 adulti e max 3 ragazzi) 15 euro
Biglietto comitive 5 euro a persona

Certosa di Bologna

È uno dei cimiteri più antichi d'Europa, un luogo unico per la scultura e l'architettura del XIX e del XX secolo. Fulcro del cimitero è il Chiostro Terzo, riflesso della cultura neoclassica locale. Per due
secoli la Certosa è stata il luogo della memoria non solo personale e familiare, ma anche collettiva:
al suo interno sono stati realizzati monumenti pubblici dedicati ai momenti più importanti della storia locale e nazionale, tra cui il grandioso Monumento Ossario ai partigiani caduti al centro del
Campo degli Ospedali. La scoperta nel 1869 di un sepolcreto etrusco diede avvio ad una serie fortunata di scavi archeologici; i corredi sono conservati nel Museo Civico Archeologico.