Home / Blog /

Ville e Castelli: le aperture fino a fine 2021

Pubblicato il 25 ottobre 2021 Da eXtraBO

Approfondimento legato alla visita Alla scoperta di ville e castelli: info e prenotazioni ->QUI


Borgo e Rocca di Dozza - 28 novembre 2021



Dozza è un vero gioiello, unico nel suo genere. Nominata tra i Borghi più belli d’Italia é scenograficamente adagiata su un crinale tra dolci pendii di vigneti e impressionanti calanchi.
Ducia, così chiamata dagli antichi, è un piccolo scrigno che conserva infinite sorprese.
Contesa nei secoli per la sua posizione strategica, Dozza deve il nome a un antico acquedotto che dal vicino Monte del Re convogliava l’acqua in una sorta di cisterna a beneficio della popolazione delle zona.
Da qui Ducia (o Dutia) letteralmente condotto in cui scorre l’acqua, trova la sua rappresentazione nello stemma del borgo, ovvero un grifo che beve da una fonte.
La sua caratteristica forma affusolata, lunga e stretta, é attraversata da sole due strade: la Contragrande e la Contrecina che collegano l’ingresso del paese, il Rivellino, alla sommità del borgo sovrastata dall’imponente Rocca sforzesca.

Sulla sommità del borgo, armonizzata perfettamente nel contesto, spicca appunto la Rocca sforzesca.
La sua denominazione deriva dal personaggio emblematico di Caterina Sforza, Signora di Imola e Contessa di Forlì, la quale fece fortificare questo castello in epoca rinascimentale.
Le sue origini risalgono però a molto prima; ci sono prove della sua esistenza già nel XIII sec.
Il passaggio nelle mani della famiglia Campeggi avviene nel 1500, sotto la cui custodia il castello si trasforma in una sede di rappresentanza diplomatica, in line con l’importanza sociale della famiglia.
Nel 1700 i Malvezzi‑Campeggi ne ampliano ulteriormente gli usi residenziali e dal 1960 la Rocca é invece proprietà del comune ed è possibile visitarla.


Villa Zarri - 5 dicembre 2021



Villa Zarri risale al XVI secolo, ma fu completamente ristrutturata nel ‘700 e portata alla forma attuale, con un bel timpano rotondo e due ali laterali che fungevano da serra. Ha dei bei saloni affrescati dislocati su due piani di circa 500 mq ciascuno. È circondata da un ampio parco secolare con tigli e platani, con un bel prato antistante la villa.  In un’ala laterale è posta una piccola Cappella votata a San Giuseppe. Acquistata negli anni ’40 dalla famiglia Zarri, oggi è sede di una distilleria che produce un Brandy millesimato ed anche di un ristornate stellato.

Villa Salina - 5 dicembre 2021

 Anche Villa Salina risale al XVI secolo, fu dimora di Marcello Malpighi e dal 1762 passo alla famiglia Salina che da piccola dimora di campagna le conferì l’aspetto attuale. Tra il 1660 e 1762 può essere datato il bellissimo soffitto a dipinto a tempera che si trova nella loggia d’ingresso al pino terra, scoperto durante i lavori di ristrutturazione eseguiti dalla Regione Emilia-Romagna. È Circondata da un bel parco ricco di piante rare ed esemplari arborei monumentali di notevoli dimensioni, tra cui spicca una farnia con un tronco che supera i 5 metri di circonferenza.


Palazzo Comelli - 12 dicembre 2021




Palazzo Comelli si trova nei pressi di Bargi, precisamente a Ca' Melati, borgo storico nel cuore del Parco dei Laghi di Suviana e Brasimone. Il palazzo comprende una serie di edifici intervallati da corti interne, in un contesto suggestivo, da cui si può godere di un meraviglioso panorama sul lago di Suviana e sui boschi circostanti. Si tratta di uno dei più importanti esempi di architettura alto-borghese dell'Alta Valle del Reno. Davvero meritevoli sono il piccolo oratorio di Santa Maria in Porcole e la meridiana. L'oratorio, ricostruito nel XVIII sec, comprende anche un piccolo ospitale, che veniva utilizzato da commercianti e pellegrini che si spostavano tra l'Emilia e la Toscana. La riedificzione si deve a Antanio Galeazzo Comelli (come recita l'iscrizione sull'architrave) nel 1730, mentre nel 1868 Luigi Samoggia decorò la volta. La famiglia Comelli esercitò il notariato per generazioni: in particolare Gian Battista, studioso di lettere e di agraria, contribuì a legare il nome Comelli agli studi eruditi. Oltre a proseguire l'attività notarile fu anche studioso di storia locale, compilatore di alberi genealogici delle famiglie del bolognese e organizzò il grande archivio dei Comelli, dando vita a una ricostruzione dettagliata di quasi quattro secoli di storia delle comunità locali.


Palazzo Vescovile - 19 dicembre 2021



La costruzione del palazzo vescovile di Imola è strettamente legata al trasferimento della Cattedrale di San Cassiano dall'omonimo castello, totalmente esterno al nucleo cittadino, al borgo di Santa Cristina in Imola avvenuto nel XII secolo. Il corpo di San Cassiano infatti era stato trafugato, con il benestare di larga parte del clero locale, per poterlo conservare in città e dunque più vicino ai devoti. L’attuale complesso vescovile costituiva una centuria, ovvero una porzione perfettamente rettangolare della città. L’area fu donata al vescovo dai consoli cittadini nel 1187 e il palazzo vescovile fu quindi innalzato nel 1190. Le dimore del vescovo e dei suoi sottoposti inizialmente non dovettero essere particolarmente ampie e fastose, le cose cambiarono nel corso del secolo successivo. La struttura venne ampliata e nel 1271 avvenne la consacrazione della cattedrale di San Cassiano.
Ma le forme e le caratteristiche architettoniche attuali risalgono alla seconda metà del XVIII secolo, quando fu ordinato un rifacimento generale affidato all’architetto imolese Cosimo Morelli.
All’interno del palazzo vescovile è custodito un bellissimo giardino appena restaurato che affonda le sue radici nell'età moderna. Un'area verde in prossimità del secondo chiostro è menzionata per la prima volta in delle testimonianze documentarie del secolo XVII ma il giardino all'italiana invece prese forma solamente nel corso del Settecento e così rimase anche per tutto l'Ottocento.
Fu poi nel corso del XX secolo che il giardino subì significative modifiche ed entrò in una fase di declino perdendo l'eleganza e la ricercatezza di un tempo. Dopo un progetto di profonda riqualificazione nel 2020, l’area verde è di nuovo un raffinato giardino all'italiana, proprio come un tempo..

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Bologna Welcome e resta aggiornato su eventi e offerte

Iscriviti