Welcome is Bologna

Dimore

Palazzo d'Accursio o Comunale

Palazzo d'Accursio o Comunale

Il Palazzo Comunale fu inizialmente destinato a conservare le pubbliche riserve granarie e ad ospitare alcuni uffici municipali; da quando nel 1336 divenne residenza degli Anziani, la massima magistratura di Governo del Comune, è la sede del governo della città.

Palazzo Re Enzo

Palazzo Re Enzo

Denominato 'palazzo nuovo' per distinguerlo dal palazzo del Podestà, viene costruito tra 1244-46 (contemporaneamente al palazzo del capitano del popolo) come ampliamento degli edifici comunali. Appena tre anni più tardi diviene la 'residenza' del re prigioniero della battaglia di Fossalta: re Enzo di Sardegna, figlio di Federico II

Palazzo del Podestà

Palazzo del Podestà

Fu la prima sede del governo cittadino esercitato appunto dal Podestà e dai suoi giudici e ufficiali.

Palazzo dei Notai

Palazzo dei Notai

L'antica sede della società dei Notai come si deduce dai tre calamai con penne d'oca raffigurati nello stemma sulla facciata.

Palazzo dei Banchi

Palazzo dei Banchi

Fu l’ultimo edificio eretto nella Piazza: si tratta in realtà di una facciata scenografica per mascherare le viuzze del mercato retrostante.

Archiginnasio

Archiginnasio

Il Palazzo fu fatto costruire dal Cardinale Borromeo fra il 1562 e il 1563 su progetto dell'architetto Antonio Morandi detto il Terribilia come sede per le scuole dello Studio Universitario (Diritto e Arti). Fino al 1803 fu sede dell'Università e dal 1838 ospita la Biblioteca Civica.

Palazzo della Mercanzia

Palazzo della Mercanzia

Sede della Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato, Palazzo della Mercanzia regola, dalla fine del XIV secolo, le attività commerciali e mercantili di Bologna.

Palazzo Ghisilardi Fava

Palazzo Ghisilardi Fava

Voluto da Bartolomeo Ghisilardi questo palazzo rappresenta il modello paradigmatico di residenza signorile del quattrocento bolognese.

Palazzo del Monte di Pietà

Palazzo del Monte di Pietà

L’edificio, di origini quattocentesche, ospitava in origine i canonici della vicina Cattedrale di San Pietro. Nel XVI secolo vi fu istituito il Monte di S.Pietro (il Monte di Pietà era un'istituzione finanziaria senza scopo di lucro che erogava prestiti di limitata entità in cambio di un pegno).

Palazzo Bocchi

Palazzo Bocchi

Inaugurato nel 1546 su progetto di Jacopo Barozzi da Vignola, l’edificio, di proprietà dell’umanista bolognese Achille Bocchi (1488 – 1562), divenne presto sede dell’accademia da lui fondata.

Palazzo Dal Monte Gaudenzi

Palazzo Dal Monte Gaudenzi

Palazzo Dal Monte Gaudenzi fu costruito nel 1529 da Andrea da Formigine per Panfilio Dal Monte.  L'edificio vanta uno stile bolognese rinascimentale sofisticato con una loggia elegante, colonne doriche, portici, decorazioni in gesso e opere d'arte di Gaetano Gandolfi e Serafino Barozzi.

Palazzina Majani

Palazzina Majani

Realizzata da Augusto Sezanne in stile liberty a inizio ‘900 come sede del caffé e del negozio di cioccolata Majani, attualmente ospita un punto vendita di una catena di negozi di abbigliamento low cost. Da notare le decorazioni floreali nei capitelli del portico e nei balconi in ferro battuto.

Palazzo Ghisilieri

Palazzo Ghisilieri

Sulla facciata del Palazzo, una lapide ricorda che lì sorgevano le case medievali del giurista Rolandino de’ Romanzi, sepolto in una delle arche piramidali collocate nella vicina Piazza Malpighi.

Palazzo Ronzani

Palazzo Ronzani

Realizzato nel primo decennio del ‘900 da Gualtiero Pontoni fece parte del nucleo di palazzi eleganti sorti a cavallo dei due secoli secondo il progetto urbanistico di valorizzazione dell'immagine delle torri Garisenda e Asinelli.

Casa Barilli

Casa Barilli

L'edificio, progettato da Leonida Bertolazzi nel 1906-7, è uno fra i primi "grandi magazzini" di Bologna. La sua struttura è a quattro piani diversamente caratterizzati esteriormente con decorazioni che ricalcano i modelli della Secessione viennese: archi ribassati, lesene a tutt'altezza, ringhiere in ferro lavorato e una finestratura pressochè continua.

Palazzo delle Assicurazioni Generali

Palazzo delle Assicurazioni Generali

Realizzato da L.Repossi ai primi anni del ‘900, sotto il portico è uno spazio ristretto, che fino a poco tempo fa ospitava un negozio, impreziosito dal design di Enrico De Angeli (ottone, plexiglass, cromature) assecondando le ricerche estetiche degli anni ’50.

Casa del Collegio di Spagna

Casa del Collegio di Spagna

Il Palazzo, dallo stile semplice e severo, fu realizzato da A. M. Laghi (XVIII secolo). Sulla facciata, è collocato lo stemma di Ferdinando VI re di Spagna (1751).

Palazzo Unicredit e Galleria Acquaderni

Palazzo Unicredit e Galleria Acquaderni

Il palazzo fu realizzato da E.Collamarini nei primi anni del ‘900. Sotto di esso, fu contemporaneamente aperta la gradevole Galleria Acquaderni, sul luogo dell’antica chiesa di S.Giobbe.

Casa Buratti

Casa Buratti

Su via dell’Inferno, al numero 16, si affaccia l’edificio religioso più importante del ghetto, restituito alla città dopo un restauro radicale (1955): si tratta della antica sede della Sinagoga, costruita a metà del 1800 e, in seguito, gravemente danneggiata dalla guerra.

Palazzo Aldini-Sanguinetti

Palazzo Aldini-Sanguinetti

Il Palazzo oggi denominato Sanguinetti, dal nome della più recente famiglia proprietaria è il risultato della complessa evoluzione degli insediamenti di quella zona, dal Medioevo ad oggi, e reca le tracce di ognuna delle trasformazioni subite.

Conservatorio di musica Giovan Battista Martini

Conservatorio di musica Giovan Battista Martini

Sorto nel 1804 come comunale Liceo Filarmonico, è diventato Conservatorio nel 1942, assumendo il nome del dottissimo Giovanni Battista Martini, musicista bolognese del Settecento famoso in tutto il mondo.

Conservatorio del Baraccano

Conservatorio del Baraccano

Tra i portici rinascimentali bolognesi si distingue per le sue qualità formali il portico del Conservatorio delle Putte del Baraccano

Palazzo Davia - Bargellini

Palazzo Davia - Bargellini

Sede dell'omonimo museo, il palazzo Davia Bargellini in Strada Maggiore è fra i maggiori edifici civili di Bologna per mole e nobiltà di impianto.

Palazzo Hercolani

Palazzo Hercolani

Palazzo Hercolani fu avviato nel 1793 dall'architetto bolognese Angelo Venturoli per il ramo principesco della famiglia Hercolani. Limpide forme classicheggianti della tradizione architettonica cinquecentesca sono visibili ad esempio in facciata, mentre nello scalone d'onore - l'ultimo scalone monumentale costruito a Bologna - riecheggia il gusto e la teatralità barocca.

Palazzo Pepoli Campogrande

Palazzo Pepoli Campogrande

All'inizio della centralissima Castiglione si fronteggiano due storici palazzi della famiglia Pepoli che sale alla ribalta della cronaca locale con l'ascesa al potere di Taddeo nel 1334 (in coincidenza con la caduta del card. Bertrando del Poggetto).

Casa Saraceni

Casa Saraceni

La storica residenza della nobile famiglia Saraceni ospita oggi la sede della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna.

Palazzo Pallavicini

Palazzo Pallavicini

In Via San Felice 24, nel cuore della Bologna antica, sorge Palazzo Pallavicini. Originario del XV secolo e già appartenuto a nobili famiglie bolognesi come i Villa, i Volta ed i Marsili, nel 1557 venne acquistato dalla famiglia Isolani che conferì all’architettura interna del palazzo specifica dignità utilizzando l’opera degli architetti Paolo Canali e Luigi Casali.

Palazzo  Belloni

Palazzo Belloni

Palazzo  Belloni, noto anche come casa Cantelli, si trova in Via de' Gombruti, 13 all’angolo con via Barberia. Il palazzo fu costruito su volontà di Giovanni Angelo Belloni, terzogenito della già ricca famiglia mercantile dei Belloni di Codogno che dalla Lombardia si trasferì a Bologna segnando inevitabilmente la vita economica della città.

Palazzo Marescotti Brazzetti

Palazzo Marescotti Brazzetti

Progettato da Giovanni Beroaldo sulle rovine di precedenti costruzioni, arricchito nel corso dei secoli dagli affreschi dei Rolli, del Caccioli e dal grandioso scalone barocco opera di Gian Giacomo Monti, nel 1997 è stato acquisito dall’Alma Mater Studiorum che ne ha curato l’attuale restauro dal 2003 alla fine del 2007.

Collegio di Spagna

Collegio di Spagna

Il complesso viene fondato dal cardinale Egidio Albornoz nel 1364 per ospitare gli studenti spagnoli iscritti nella celebre Università cittadina.

Palazzo Albergati

Palazzo Albergati

Palazzo Albergati, edificato dall’omonima e importate famiglia bolognese, primeggia su via Saragozza con la sua imponente facciata che assunse la forma definitiva nel primo decennio del ‘600.

Palazzo Malvezzi Campeggi

Palazzo Malvezzi Campeggi

Palazzo Malvezzi Campeggi è stato eretto intorno al 1500 da Andrea e Giacomo Marchesi da Formigine. Un antica scultura di Ercole, eseguita da Giuseppe Mazza, adorna una nicchia nel cortile a doppio loggiato e colonne doriche. Alcune sale presentano splendidi dipinti a tempera di Antonio Rossi e Carlo Lodi.

Palazzo Comelli

Palazzo Comelli

Il Complesso di Palazzo Comelli si trova nel borgo storico di Cà Melati, caratterizza l’antica frazione di Bargi, posta a monte del lago di Suviana e all’interno del Parco Regionale dei Laghi.

Palazzo Poggi

Palazzo Poggi

Il palazzo ristrutturato intorno alla metà del XVI secolo presumibilmente da Pellegrino Tibaldi diviene sull'onda delle riforme di epoca napoleonica (1803) la nuova sede dell'Università Nazionale.

Palazzina della Viola

Palazzina della Viola

Fondata verso la fine del secolo XV da Annibale Bentivoglio per farne luogo di delizia per la sua famiglia, fu nel secolo XVI affrescata da Aspertini, Innocenzo da Imola, Prospero Fontana. L’alto fregio ricco di putti che corre tutt'intorno alla sala è invece attribuito a Nicolò dell’Abate.

Palazzo Malvezzi De' Medici

Palazzo Malvezzi De' Medici

Il palazzo, sede dell'amministrazione provinciale, definito "Palazzo dal portico buio" trae il proprio appellativo dalla caratteristica penombra del porticato.

Palazzo Magnani Salem

Palazzo Magnani Salem

Superbo palazzo eretto nell'antica Strà S. Donato che documenta l'affermazione sociale della famiglia Magnani presente a Bologna fin dal XIII secolo.

Palazzo Grassi

Palazzo Grassi

Insieme a poche altre dimore - come ad esempio Casa Isolani e Casa Reggiani - costituisce una delle poche testimonianze superstiti dell'assetto urbano medievale.

Palazzo Isolani (ex Bolognini)

Palazzo Isolani (ex Bolognini)

Palazzo Isolani realizzato tra 1451-55 da Pagno di Lapo Portigiani da Fiesole in uno stile che denuncia la transizione tra gotico e rinascimento toscano.

Casa Sforno

Casa Sforno

Questo palazzo ospitò l’abitazione, l’oratorio privato e il banco di prestito della famiglia Sforno, ebrei originari di Barcellona, trasferitisi a Bologna nel XV secolo.

Palazzo Isolani

Palazzo Isolani

Affacciato su Piazza Santo Stefano (anche conosciuta come Piazza delle Sette Chiese), Palazzo Isolani offre da secoli i propri portici ad una delle più incantevoli passeggiate bolognesi.

Aula Magna di Santa Lucia

Aula Magna di Santa Lucia

La chiesa ha origini nel V secolo. Dal Cinquecento, insieme all'adiacente convento, fu sede dei Gesuiti che l'ampliarono e l'abbellirono. Nel XVII l'edificio fu ricostruito su modello della chiesa romana del Gesù dall'architetto Girolamo Rainaldi. Dopo la soppressione napoleonica fu destinata ad altri usi.

Palazzo di Residenza della Cassa di Risparmio di Bologna

Palazzo di Residenza della Cassa di Risparmio di Bologna

La Cassa di Risparmio di Bologna affida l’incarico di realizzare una prestigiosa sede di rappresentanza ad uno dei protagonisti dell’eclettismo italiano, Giuseppe Mengoni. In meno di cinque anni sorge sull’attuale via Farini il maestoso edificio rivestito di marmi variegati e rifiniture in ferro e ghisa.

Palazzo delle Poste

Palazzo delle Poste

Il Palazzo delle Poste fu progettato nel 1903 dall'ing. Emilio Saffi e realizzato nel periodo 1905-1911 a cura dell'Ufficio tecnico del Comune di Bologna con il finanziamento del Ministero delle Poste e dei Telegrafi.

Palazzo Orsi

Palazzo Orsi

Anticamente di proprietà della nobile famiglia Orsi, il palazzo (XVI secolo) fu acquistato da Giuseppe Marconi nel 1903 e poi lasciato in eredità al figlio Alfonso, fratello maggiore di Guglielmo.

Palazzo Sanuti Bevilacqua Degli Ariosti

Palazzo Sanuti Bevilacqua Degli Ariosti

La realizzazione di questo splendido palazzo su via D'Azeglio è commissionata tra 1477 e 1482 dal giurista Niccolò Sanuti e dalla consorte Nicolosia ad un architetto e a maestranze forse toscane o ferraresi.

Casa  Morandi

Casa Morandi

Allo straordinario patrimonio dell'Istituzione Galleria d’Arte Moderna, cui fanno capo il MAMbo, il Museo Morandi, Villa delle Rose e più di recente il Museo per la Memoria di Ustica, si aggiunge anche la casa in cui l'artista visse e lavorò fino al 1964.

Casa Carducci

Casa Carducci

Situato nello spalto dell'antica cinta muraria fra la porta Maggiore e la porta Santo Stefano, l'edificio di Casa Carducci risale al XVI e attesta una storia più che bisecolare di luogo di culto.

Casa Isolani

Casa Isolani

Casa Isolani è uno dei rari esempi di costruzioni civili del XIII sec.

Palazzo Lupari

Palazzo Lupari

Nel sotterraneo del negozio si trova un tratto dell’antica via Aemilia, l'antica strada di collegamento tra Rimini e Piacenza fatta costruire nel 187 a.C. dal console Marco Emilio Lepido.

Casa natale di Gino Cervi

Casa natale di Gino Cervi

All'angolo tra via Cartoleria e via S. Stefano una targa ricorda la nascita di Gino Cervi il 3 maggio 1901.

Archivio di Stato

Archivio di Stato

L'Archivio di Stato di Bologna è il cuore della memoria storica della città. Nei suoi 34 km circa di scaffalature è conservata la documentazione prodotta dagli uffici pubblici bolognesi, dal medioevo fino ai giorni nostri.

Palazzo Orlandini - Dall'Armi Marescalchi

Palazzo Orlandini - Dall'Armi Marescalchi

Una lapide sulla facciata del palazzo ricorda che il 25 aprile 1874 qui nacque Guglielmo Marconi, l'uomo "che lanciò la parola senza ausilio di cavi e di fili da un emisfero all'altro".

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria

Progettata dall'architetto razionalista Giuseppe Vaccaro, la nuova sede della Scuola degli Ingegneri è inaugurata il 28 ottobre 1935.

Centro Putti

Centro Putti

Nel 1941 fu costituito il “Centro Mutilati Putti” nei locali del Seminario arcivescovile di Villa Revedin a San Michele in Bosco.