Welcome is Bologna
MAP

Bologna delle acque - variante Canale Navile

L'acqua sin dal Medioevo è stata per Bologna fonte di ricchezza e sviluppo economico. Nel XIII secolo Bologna era la quinta città europea per popolazione e il maggior centro tessile d’Italia. L’acqua ha significato per secoli l’energia essenziale per alimentare le attività manifatturiere e commerciali e in particolare per i mulini da seta, oggi ricostruiti al Museo del Patrimonio Industriale. Non è quindi un caso che simbolo della Bologna moderna sia proprio la fontana del Nettuno.

Questo percorso a piedi parte dal parco di Villa Angeletti e segue il corso del Canale Navile che sin dal Medioevo costituiva la principale via navigabile di collegamento tra Bologna e il fiume Po e quindi al trafficatissimo porto di Venezia. Rimase in uso fino al secondo dopoguerra e lungo le sue rive si attestarono gli insediamenti produttivi che sfruttavano l’energia data dall’acqua con le ruote a pale, come le fornaci, i mulini e le piccole centrali elettriche. Lungo il percorso sono ben visibili i resti di opifici, testimonianze di storia industriale, le chiuse ed i sostegni usati per consentire alle imbarcazioni di superare i dislivelli. Il percorso passa dal Sostegno del Battiferro in via della Beverara per proseguire poi lungo il Canale del Navile fino ad incontrare il Sostegno Torreggiani, il Sostegno Landi e il Sostegno Grassi. Si giunge infine al Ponte della Bionda e, superandolo, al Ponte del Vignola.

Parco di Villa Angeletti

Parco di Villa Angeletti

L'area verde si sviluppa per circa 8,5 ettari lungo la sponda destra del canale Navile, ospita una lunga fascia di vegetazione naturale, che offre la possibilità di funzioni didattiche e di osservazione naturalistica.

Canale Navile

Canale Navile

L’origine del Navile si perde nella notte dei tempi. Probabilmente già in età romana esistevano delle tratte navigabili attraverso le acque basse della grande palude. Per circa 700 anni fu la principale via di comunicazione per tutti i porti dell’Adriatico.

Sostegno del Battiferro

Sostegno del Battiferro

Il termine “Battiferro” fa riferimento ad un antico opificio adibito alla battitura del ferro e del rame.

Sostegno del Torreggiani

Sostegno del Torreggiani

Il Sostegno del Torreggiani venne costruito intorno al 1560: il nucleo è oggi composto dalla casa di manovra, dalla conca di navigazione e da alcuni edifici residenziali.

Sostegno del Landi

Sostegno del Landi

Detto anche Sostegnazzo. Risalente al 1560, la conca di navigazione, ancora intatta, è a pianta esagonale.

Sostegno del Grassi

Sostegno del Grassi

Il Sostegno del Grassi venne costruito alla fine del XV secolo e riedificato dal Vignola cinquant’anni dopo. Conserva la conca di navigazione e la casa di manovra. 

Ponte della Bionda

Ponte della Bionda

Ponte Nuovo o Ponte della Bionda è un antico manufatto posto sul corso del canale Navile. Costruito alla fine del ‘600, consentiva il passaggio dei cavalli che trainavano verso la città i barconi che venivano dalla Bassa, a volte anche dal mare, poichè navigando sul Navile si poteva giungere all’Adriatico.

Ponte del Vignola

Ponte del Vignola

Ponte di inizio '800 che si trova subito dopo il pelago di Corticella.