Welcome is Bologna

Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola

via F.lli Rosselli 2 - 40026 Imola (BO)

Tel: +39 0542 65511

Fax: +39 0542 30420

Data ultimo aggiornamento: 27/07/2016, 11:28

L’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola ha ospitato alcune tra le più importanti manifestazioni motoristiche italiane come il Gran Premio di San Marino di Formula Uno e il Campionato Mondiale di Formula 3000, e continua tuttora ad ospitarne altre tra cui il Gran Premio d’Italia del campionato mondiale Superbike e il Campionato Italiano Turismo Endurance.

L'autodromo è una struttura polifunzionale in cui, oltre alle gare, si svolgono eventi di grande richiamo come la Mostra Scambio – il più importante appuntamento italiano di settore per auto, moto, bici, accessori e ricambi d’epoca – concerti, presentazioni di nuovi modelli di auto e moto.

La prima pietra del circuito viene posta il 22 marzo 1950 ma bisognerà attendere il 1953 per la prima manifestazione sportiva, il Gran Premio Coni, valido per il campionato motociclistico italiano della 125 e della 500. Le auto arrivano l’anno successivo, quando la “Conchiglia d’oro Shell” porta a Imola una sfida tra Ferrari e Maserati. La prima gara di Formula Uno (all’epoca non titolata) arriverà nel 1963. Due anni dopo il circuito viene perfezionato e comincia ad assumere le caratteristiche di un vero e proprio autodromo, con una tribuna coperta.

Nel 1969 viene ospitato per la prima volta il Motomondiale, mentre tre anni dopo Checco Costa, inventore di manifestazioni motociclistiche, crea per Imola la 200 Miglia, ispirandosi a Daytona. Nel 1979 il circuito diventa permanente, infatti fino ad allora alcuni brevi tratti di pista erano ancora utilizzati per la viabilità ordinaria. Il 14 settembre 1980 per l’Autodromo di Imola si apre l’era della Formula Uno ufficiale, infatti si disputa il 51° Gran Premio d’Italia, per quell’anno spostato da Monza, mentre il 3 maggio dell’anno successivo nasce il Gran Premio di San Marino, appuntamento fisso per tutti gli appassionati fino all'anno 2006, quando iniziano i lavori di riqualificazione e di ammodernamento della pista e si svolge quindi l'ultima gara.

L'autodromo ha visto gareggiare piloti come il brasiliano Ayrton Senna a cui nel 1997 è stata dedicata una statua, ancora oggi meta di “pellegrinaggio” di molti appassionati.

in auto – A circa 8 km dal casello di Imola sulla A14.
in bus - A pochi passi dalla Stazione Centrale di Bologna si trova l'Autostazione, da dove con la Linea Tper 101 si può raggiungere la Stazione di Imola  che dista circa 3,5 km dall'ingresso dell'autodromo Da Stazione di Imola - Autobus 1 - Fermata Imola Grattacielo - proseguire a piedi per 0,7 km fino a Via Rosselli

Accesso solo in occasione di eventi.

Note per raggiungere l'autodromo: in auto – A circa 8 km dal casello di Imola sulla A14. In bus - A pochi passi dalla Stazione Centrale di Bologna si trova l'Autostazione, da dove con la Linea Tper 101 si può raggiungere la Stazione di Imola  che dista circa 3,5 km dall'ingresso dell'autodromo Da Stazione di Imola - Autobus 1 - Fermata Imola Grattacielo - proseguire a piedi per 0,7 km fino a Via Rosselli.