Welcome is Bologna

Vie dell'Appennino

È la parte più a sud dell’area metropolitana di Bologna e separa il capoluogo emiliano dalle provincie toscane di Firenze, Prato e Pistoia.

La zona è caratterizzata da numerosi punti di interesse naturalistico, da borghi e impianti industriali (come i mulini) perfettamente conservati, dagli insediamenti etruschi, dalla maestosa Rocchetta Mattei e dai panorami cari al pittore bolognese Giorgio Morandi.

Numerosi cammini e sentieri, utilizzati nei secoli passati per il trasporto di merci e persone, attraversano quest’area. Tra tutti la Via degli Dei che collega Bologna e Firenze.

Rimangono indelebili i segni della Seconda Guerra Mondiale: di qui passa la Linea Gotica e molti sono i luoghi della memoria, primo su tutti il Parco storico di Monte Sole e il memoriale dell’eccidio di Marzabotto.

Dal 1988 Porretta Terme si anima con il Porretta Soul Festival, Tribute to Otis Redding, che è diventato l’evento più rilevante a livello europeo dedicato alla musica soul e R&B; in particolare del "Memphis sound", la scuola prediletta dall'artista a cui il festival è dedicato. 

Spiccano in ambito eno-gastronomico Tartufo bianco dei Colli bolognesi, la filiera della lavorazione della selvaggina e delle castagne oltre alle ricette tipiche come gli zuccherini montanari. 

Vivere l’Appennino bolognese significa partire per un viaggio alla scoperta di bellezze naturalistiche, architettoniche, archeologiche e della storia più recente.